1. Fatima Portogallo

    fatimaTV
  2. Progetti Per Roma

    fatimaTV
  3. fatimaTV

    fatimaTV
  4. Padre Gruner risponde

  5. Social Network

Perchè Schiavitù del mondo o no?


Nel messaggio di Fatima la nazione Russa è indicata come lo strumento che sarà usato dal Signore per punire il mondo. La Madonna di Fatima ha detto che se le Sue richieste non saranno esaudite, in particolare la Consacrazione del mondo al Suo Cuore Immacolato, allora la Russia “diffonderà i propri errori in tutto il mondo, causando guerre e persecuzioni contro la Chiesa. I buoni verranno martirizzati, il Santo Padre avrà molto da soffrire, molte nazioni saranno annientate.”

Che il Signore possa utilizzare una nazione come la Russia per punire il mondo, non è un atto che dovrebbero sorprenderci o confonderci. Dio ha usato molte volte le nazioni come strumento del Suo castigo. Nell’Antico Testamento, per esempio, Geremia avvertiva gli Ebrei che il Signore avrebbe usato il malvagio regno di Babilonia per punirli.

I sacerdoti di quei tempi non presero in considerazione le affermazioni del profeta, appellandosi alla promessa del Signore di legarsi per sempre con Gerusalemme (cfr. 2 Ki. [2 Sam.] 7:10; 3 Ki. [1 Ki.] 9:5). Ma essi dimenticarono le parole che il Signore aveva detto a Salomone subito dopo la Sua promessa: “Ma se voi e i vostri figli vi allontanerete da me, se non osserverete i comandi e i decreti che io vi ho dati, se andrete a servire altri dèi e a prostrarvi davanti ad essi, eliminerò Israele dal paese che ho dato loro, rigetterò da me il tempio che ho consacrato al mio nome” (Re 3 [1 Re] 9:6-7). Poiché gli Israeliti si comportarono in modo malvagio, e poiché rifiutarono le profezie di Geremia, Babilonia invase e saccheggiò Gerusalemme, distruggendo il tempio, traendo gli israeliti in prigionia, per 40 lunghi anni (cfr. 4 Re [2 Re] 25; Ger. 52; 2 Par. 36:17-20).

Geremia, che provò a metterli in guardia, avrebbe scritto al riguardo: “Non credevano i re della terra e tutti gli abitanti del mondo che l'avversario e il nemico sarebbero penetrati entro le porte di Gerusalemme." (Lam. 4:12) Allo stesso modo Suor Lucia disse a Padre Fuentes, in un’intervista del 1957, che “la Russia sarà lo strumento del castigo scelto dal Cielo per punire il mondo intero, se non avremo prima ottenuto la conversione di quella povera nazione.”

La Consacrazione della Russia, che porterà alla sua conversione, è quindi necessaria per evitare i castighi, tra cui la schiavitù contro la quale la Madonna di Fatima ci aveva messo in guardia. E’ stato previsto 3.500 anni fa, quando Mosè condusse gli Israeliti alle spiagge del Mar Rosso. Gli Ebrei avevano il Mar Rosso davanti e gli Egiziani dietro di se, questi ultimi con le spade sguainate e pronti a ucciderli tutti. Il Popolo di Dio dell’Antico Testamento non aveva armi, era apparentemente senza vie di fuga. Dio disse a Mosè che sarebbero fuggiti proprio grazie a lui, se egli avesse levato il suo braccio sul Mar rosso. Poiché Mosè obbedì al Signore ed elevò il suo braccio sul mare, esso si fece da parte, e gli Israeliti furono in grado di attraversare il Mar Rosso, trovando così la salvezza.

Il Signore ha dato al Pontefice attuale la stessa missione. Anche il Popolo di Dio del nuovo Testamento è senza armi, con i propri nemici in una posizione tale da poter distruggere la Chiesa. I principi della Massoneria e del Comunismo vengono sempre più rafforzati dalle Nazioni Unite, così come dall’Unione Europea e dagli Stati Uniti. Queste forze esercitano un controllo quasi unilaterale sulla politica mondiale. Il Comunismo e la Massoneria, entrambi fondati su principi satanici, sono antitetici nei confronti del vero Cattolicesimo. Le loro opere velenose e distruttive sono state smascherate e messe all’indice molte volte, dalla Chiesa Cattolica.1

Per di più, poiché il comunismo e la Massoneria sono entrambi nemici del Cattolicesimo, vi sono solamente tre modi con cui i Cattolici possono interagire con essi: possono negoziare, scappare o combattere. E’ impossibile scappare, poiché il Cattolicesimo e il Nuovo Ordine Mondiale di stampo Massonico/Comunista sono entrambi diffusi in tutto il mondo. E’ anche impossibile una soluzione negoziale, poiché essi sono in contrasto diretto col Cattolicesimo e cercano di distruggerlo completamente. Questo ci lascia un unico modo per confrontarci con tali nemici della Chiesa: combattere.

Dio ci ha dato i mezzi per combatterli. Se il Santo Padre elevasse il proprio braccio autoritario – proprio come fece Mosè 3.500 anni fa – sulla Chiesa e la Russia, consacrando la Russia al Cuore Immacolato di Maria ed ordinando ai vescovi Cattolici di fare lo stesso, la Russia si convertirà e il Signore risparmierà miracolosamente il Popolo di Dio da ciò che altrimenti sarebbe la sua devastazione. Se il mondo vuole evitare la schiavitù comunista, questo avverrà unicamente quando il Papa avrà obbedito al Signore, innalzando il proprio braccio autoritario sulla Chiesa e sulla Russia, per mezzo della Consacrazione della Russia, insieme a tutti i vescovi del mondo, richiesta dalla Madonna di Fatima.

Perché il Papa ed i vescovi devono compiere la Consacrazione della Russia al Cuore Immacolato di Maria? Non potrebbe semplicemente intervenire Dio senza il loro aiuto? Egli potrebbe, certo, ma come ci ha indicato Lui stesso, non lo farà. Così come un essere umano non può scrivere senza un qualche strumento (sia esso una matita, una penna o un computer), Nostro Signore ha detto che non darà le grazie legate alla Consacrazione se non attraverso quello specifico strumento, e nessun altro. Egli vuole specificamente la Consacrazione poiché, ci ha detto, “desidero che tutta la Chiesa riconosca la Consacrazione come un trionfo del Cuore Immacolato, affinché in seguito essi porranno la devozione al Suo Cuore Immacolato a fianco della devozione al Mio Sacro Cuore.”

Note:

1. Vedi Papa Clemente XII, In Eminenti (sulla Massoneria), 28 aprile 1738; Papa Leone XIII, humanum Genus (sulla Massoneria), 20 aprile 1884 e Custodi di Quella Fede (sulla Massoneria) 8 dicembre 1892; vedi inoltre papa Pio XI, Divini Redemptoris (sul Comunismo Ateo), 19 marzo 1937, e Papa Pio XII, Ad Apostolorum Principis, (sul Comunismo e la Chiesa in Cina), 29 giugno 1958.