1. Fatima Portogallo

    fatimaTV
  2. Progetti Per Roma

    fatimaTV
  3. fatimaTV

    fatimaTV
  4. Padre Gruner risponde

  5. Social Network

I castighi per l’Inazione

E’ importante capire che il Signore non ci sta punendo con i castighi predetti dal Messaggio di Fatima per capriccio o per irragionevolezza, ma perché tali castighi sono quel che giustamente meritiamo per i peccati e le offese innumerevoli compiuti contro di Lui. Tuttavia a Fatima, per intercessione della Beata Vergine Maria, ci è stata offerta l’opportunità, tramite la nostra obbedienza, di evitare i castighi che meritiamo, e di ottenere la pace per il mondo e la salvezza di molte anime.

Durante l’apparizione del 13 luglio, dopo che ai bambini fu mostrato l’inferno, la Madonna disse:

Avete visto l'inferno, dove cadono le anime dei poveri peccatori. Per salvarle, Dio vuole stabilire nel mondo la devozione al Mio Cuore Immacolato. Se faranno quel che vi dirò, molte anime si salveranno e avranno pace… Quando vedrete una notte illuminata da una luce sconosciuta, sappiate che è il grande segno che Dio vi dà che sta per castigare il mondo per i suoi crimini, per mezzo della guerra, della fame e delle persecuzioni alla Chiesa e al Santo Padre. Per impedirla, verrò a chiedere la consacrazione della Russia al Mio Cuore Immacolato e la Comunione riparatrice nei primi sabati. Se accetteranno le Mie richieste, la Russia si convertirà e avranno pace…

I castighi predetti dalla Madonna di Fatima possono essere evitati se esaudiamo le Sue richieste. Tuttavia, come Ella ci avvertì, ci aspettano castighi ben precisi, se ci rifiuteremo di esaudirle. Il 15 luglio 1946, Suor Lucia disse al Professor William Thomas Walsh che il mondo intero, inclusi gli Stati Uniti d’America, sarebbe stato schiavizzato dalla Russia Comunista se l’appropriata Consacrazione della Russia non fosse stata fatta in tempo.

Abbiamo l’assicurazione che “alla fine” il Cuore Immacolato di Maria trionferà, e che la Russia sarà consacrata e vi sarà la pace nel mondo. Nel frattempo, tuttavia, le richieste della Madonna di Fatima vengono continuamente rinviate e/o attivamente ostacolate da membri della gerarchia Ecclesiastica. Eppure i castighi in serbo per coloro che ritardano o ostacolano l’esecuzione delle richieste di Dio sono ancora più seri. Nel 1931 Nostro Signore si lamentò con Suor Lucia: “Fai sapere ai miei ministri che, dato che seguono l’esempio del Re di Francia nel ritardare l’esecuzione della mia richiesta, lo seguiranno nella sciagura”.

Nostro Signore si riferiva alla Sua richiesta del 17 giugno 1689 – operata per mezzo di Santa Margherita Maria Alacoque – al Re di Francia, con la quale gli chiedeva di consacrare la sua nazione al Sacro Cuore di Gesù. Il re ed i suoi successori, tuttavia, ritardarono la consacrazione, finchè alla fine, il 17 giugno 1789, 100 anni più tardi, il Terzo Stato usurpò il legittimo potere del Re, mandandolo poi alla ghigliottina e giustiziandolo come un criminale qualunque.

Nella comparazione che fa Nostro Signore tra coloro che tardano ad eseguire le richieste che Dio diede tramite la Madonna di Fatima e la morte del Re di Francia, troviamo un chiaro segno di ciò che è in serbo per coloro che non obbediscono al Messaggio di Fatima e che, soprattutto, ne ritardano il compimento per colpa della propria indolenza. Coloro che invece cercano attivamente di ostacolare l’esecuzione delle richieste soffriranno un castigo ancora maggiore.

Articoli Collegati: