1. Fatima Portogallo

    fatimaTV
  2. Progetti Per Roma

    fatimaTV
  3. fatimaTV

    fatimaTV
  4. Padre Gruner risponde

  5. Social Network

 

I quattro vescovi della Fraternità Sacerdotale San Pio X, insieme ai pellegrini, si inginocchiano di fronte alla Capelinha delle Apparizioni, compiendo riparazione per la cerimonia Induista ivi compiutasi il 5 maggio 2004.

Dramma a Fatima

Le autorità del Santuario rovinano
il Pellegrinaggio di Riparazione

di John Vennari

“Penso che sarebbero stati molto più intelligenti a lasciarci stare”, ha detto il Vescovo Richard Williamson. “Adesso non hanno fatto altro che aumentare i propositi battaglieri in molti Cattolici”.

Un unico Pellegrinaggio di Riparazione era stato organizzato, principalmente dalla Fraternità Sacerdotale di San Pio X, per compiere pubblica riparazione riguardo alla dissacrazione avvenuta il 5 maggio 2004 nel Santuario di Fatima. In quel giorno, come documentato sul Catholic Family News con fotografie prese dal reportage televisivo di quell’evento, il Rettore del Santuario aveva permesso a degli Indù di usare il Santuario a proprio piacimento. Un sacerdote Indù, presso l’altare nella Capelinha delle Apparizioni, aveva intonato una preghiera per la pace ai suoi falsi dei dell’Induismo. Una congregazione Induista aveva intonato preghiere Indù in risposta.

Questa profanazione richiedeva una pubblica espiazione. Il 21 ed il 22 agosto migliaia di Cattolici preoccupati, provenienti da tutte le parti del mondo, sono giunti a Fatima per compiere quest’atto di Riparazione. Ho viaggiato personalmente in Portogallo per quest’evento, con un Pellegrinaggio organizzato dal Fatima Center di Padre Gruner. Ho compilato questo rapporto a Fatima, durante il giorno dell’Atto di Riparazione.

Sin da quando gli Indù hanno profanato il Santuario, il Rettore del Santuario di Fatima Mons. Luciano Guerra, è stato ostile ai Cattolici tradizionali che protestavano contro tale profanazione. Quest’ostilità si è manifestata in tutta la sua pienezza durante il giorno di riparazione, il 22 agosto.

La processione nel Santuario di Fatima per l’Atto di Riparazione. Si può vedere sullo sfondo il cantiere della nuova ed orribile basilica modernista.

Il giorno precedente – domenica 21 – una Messa solenne era stata celebrate per i pellegrini in un campo a circa un chilometro e mezzo di distanza dal Santuario di Fatima. L’aveva celebrata il Vescovo Bernard Fellay, Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale di San Pio X. Poi il lunedì, una Messa normale è stata celebrata nello stesso campo all’aperto, seguita da una processione verso il Santuario.

Dopo essere arrivati al Santuario, le centinaia di sacerdoti, i quattro vescovi, molti religiosi e migliaia di fedeli, si sono trovati di fronte delle transenne che bloccavano loro la via verso la Capelinhadelle Apparizioni, malgrado la SSPX avesse raggiunto un accordo con le autorità del Santuario per avere accesso alla Capelinha a quell’ora del giorno.

Tutto questo è coinciso con un'altra stranezza. Siamo arrivati alle 13.30, come era stato da tempo programmato, e gli addetti alla pulizia stavano pulendo il Santuario con le aspirapolveri. Un sacerdote che è stato spesso a Fatima ha detto di non aver mai visto una cosa simile prima d’ora: le donne delle pulizie che pulivano il santuario nel mezzo di una giornata.

I pellegrini pregano durante l’Atto di Riparazione, malgrado i tentativi delle autorità del Santuario di rovinare le loro preghiere.

Alcuni uomini della processione hanno aperto un varco nelle transenne, e la grande folla di pellegrini si è disposta di fronte alla Cappellina delle Apparizioni. Non siamo mai entrati esattamente nella Cappella. I quattro vescovi della Fraternità Sacerdotale di San Pio X si sono inginocchiati di fronte alla Cappellina. Il gruppo di pellegrini ha intonato la Litania del Sacro Cuore, ed ha poi cominciato a recitare il Rosario in Latino.

Arrivati a circa la terza decina del Rosario, tre sorelle del Santuario di Fatima si sono avvicinate al podio nel Santuario, come se stessero per iniziare una cerimonia tutta loro. Avevamo appena finito una decina, e ci trovavamo quindi ad iniziare a cantare Christus Vinces. Subito dopo aver iniziato il nostro inno, le suore del Santuario hanno iniziato a cantare al microfono un inno differente dal nostro, in un tentativo di rovinare le nostre preghiere.

Sono stati momenti drammatici. Ci siamo fatti coraggio ed abbiamo cominciato a cantare più forte. Le suore però continuavano la loro sfida, cantando i propri inni al microfono. E’ stato bizzarro ed al stesso tempo infantile. La tensione aumentava. Eravamo offesi dal fatto che i rappresentanti del Santuario mostrassero un tale disprezzo per il nostro gruppo, che stava semplicemente recitando il Rosario al Santuario di Fatima.

Questa situazione ha … “svegliato l’irlandese che è in lui” in un Fratello Irlandese, il quale ha scavalcato il piccolo muretto che circonda la Cappellina e si è diretto verso le suore. Il suo piano, come mi disse più tardi, era quello di levare il microfono a queste strane suore, che ci stavano deridendo.

Parte della processione: dalla Messa all’aperto verso il Santuario.

Mentre stava avvicinandosi alle suore, è stato bloccato dalle guardie del Santuario. Ne è nata una zuffa. Molti pellegrini tra la folla sono rimasti inorriditi. Il Vescovo Alfonso de Galarreta della SSPX si è adoperato per ristabilire la calma. Le guardie hanno rilasciato il fratello. Le suore del Santuario si sono ritirate dalla Cappellina e noi abbiamo continuato le nostre preghiere.

Dopo due minuti, le autorità del Santuario hanno risposto.   

Della musica sacra ha cominciato ad essere trasmessa dal sistema di diffusione del Santuario. Era a pieno volume, così forte che potevo a malapena sentire il Rosario recitato dalle persone che mi circondavano. L’intera spianata vibrava dal poderoso sistema di diffusione del Santuario, studiato per amplificare il suono a decine di migliaia di persone.

Poco dopo, un proprietario di hotel che è stato a Fatima per venti anni, e i cui stabilimenti si trovano a venti minuti di cammino dal Santuario, ci ha detto che non aveva mai sentito la musica del Santuario dal suo hotel. Oggi era la prima volta.

Si trattava di musica sacra usata come arma contro i Cattolici tradizionali. Chiaramente, le autorità del Santuario avevano messo la musica così forte per ostacolarci e farci andare via.

Ci avevano di certo ostacolato, ma non si erano sbarazzati certo di noi.

Abbiamo continuato il Rosario mentre la musica continuava. I vescovi, i sacerdoti e la gente hanno rinnovato l’Atto di Consacrazione al Cuore Immacolato di Maria. I pellegrini hanno cantato un ultimo inno alla Madonna e alla fine sono scrosciati in un lungo applauso. Poi, l’intero gruppo, in processione solenne, è uscito dalla Cappellina.

L’Atto di Riparazione si era concluso. Avevamo completato ciò per cui eravamo venuti, malgrado il maldestro tentativo fatto dalle autorità del Santuario per fermarci.

Poco dopo, ho intervistato sacerdoti e vescovi della Fraternità Sacerdotale di San Pio X per sentire le loro reazioni.

Padre Kevin Robinson, Australiano, ha detto: “Abbiamo assistito ad una cosa incredibile. Questo è il potere della Tradizione sulla nuova religione ispirata dal demonio. Penso che tutti qui siano molto felici per aver partecipato alla Consacrazione della Fraternità. E piacendo a Dio possiamo prevalere a questi modernisti.”

Ho chiesto a Padre Robinson se ha percepito il fatto che quando le autorità del Santuario hanno messo la musica a tutto volume, questo non abbia fatto altro che rafforzare la risolutezza dell’intero gruppo. Ha infuso coraggio a tutti per ergersi ancora più dritti, per pregare ancora più a lungo e più forte.

“E’ esattamente quello che è successo”, ha risposto. “Ci hanno provocato a pregare di più, a pregare per la loro conversione. Questo è il luogo dove avvengono le conversioni.”

Il Vescovo Bernard Fellay, Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale di San Pio X, ha detto: “Abbiamo avuto, durante il nostro piccolo Atto di Riparazione, una reazione molto, molto cattiva da parte del Santuario. Ci hanno provocato, ma c’è stato un lieto fine.” Il lieto fine si riferisce al fatto che i sacerdoti ed i pellegrino non hanno ceduto. Hanno completato l’Atto di Riparazione come era loro intenzione.

Padre Geraldo Zendejas, Priore della Casa di Ritiro di Sant’Ignazio, ha detto: “Siamo venuti qui per un atto di Riparazione. E abbiamo ricevuto la risposta da loro (Il Santuario). Loro vogliono ridurci al silenzio. Tutti sono accettati qui, persino gli Indù. Ma oggi noi siamo stati respinti. Eravamo 4000 persone che cercavano solamente di pregare in ginocchio per la Gloria di Dio…”

E’ vero. Sotto il governo del Rettore Guerra, gli Indù sono accolti e benvenuti a pregare presso l’altare. Si sono svolti Congressi interreligiosi presso il centro congressi del Santuario di Fatima. Gli anglicani hanno condotto ritiri spirituali presso il Santuario. Ma i Cattolici tradizionali, che credono in tutto ciò che la Chiesa ha sempre insegnato e praticato, non sono i benvenuti.

Padre Jean Violette, Superiore del Distretto Canadese, ha commentato in maniera simile: “sono sicuro che se avessimo avuto dei turbanti in testa, il Rettore ci avrebbe ricevuti di persona alla Statua della Madonna. Avremmo avuto tutti le mani strette da lui, e ci sarebbe stato un grazioso meeting ecumenico. Invece, siamo stati respinti con durezza – un tipico gesto ecumenico, da Novus Ordo.”

Padre Anthony Mary dei Redentoristi tradizionalisti della Gran Bretagna, ha detto: “ Ho udito da Padre Schmidberger che tutto ciò era stato deliberatamente organizzato. Loro (nel Santuario) sapevano che stavamo arrivando.” Era stato concordato, spiega, con le autorità del Santuario che ci sarebbe stata la preghiera di fronte alla Cappellina. “Noi abbiamo mantenuto le nostre condizioni per compiere la consacrazione … e Padre Schmidberger ha detto che è rimasto molto sorpreso che essi abbiamo infranto le loro (e quindi l’accordo). E una volta che le autorità del Santuario avevano infranto tali condizioni, bè, abbiamo dovuto anche noi scavalcare le transenne per passare. Per questo ritengo che tutto il loro comportamento sia stato deprecabile. Avrebbero perlomeno dovuto avere il minimo ritegno e la minima, naturale carità cristiana per permetterci di dire le nostre preghiere e non cercando di interromperci. Ma è meraviglioso il fatto che siamo riusciti a fare ciò per cui eravamo venuti, e sono sicuro che molte grazie verranno conquistate per la Fraternità Sacerdotale, per la Tradizione, e che la riparazione avrà successo.”